Il cento c'è

Il cento c'è

Pagine

lunedì 18 giugno 2018

"Il Piccolo Principe"....... a modo nostro!


              33° Circolo Didattico Risorgimento Napoli
                         Scuola dell'infanzia plesso Verdolino

“Da te posso venire senza dover indossare maschere o recitare, senza dovere svendere neanche la più piccola parte del mio mondo interiore.

Con te non devo giustificarmi, non devo difendermi, non devo dare dimostrazioni.”

Antoine de Saint-Exupéry, all’amico Léon Werth al quale è dedicato il Piccolo principe.

Le Insegnanti  lo dedicano ai propri Piccoli Principi…





Il Piccolo Principe di A. de Saint-Exupéry racchiude in sé un tesoro di messaggi significativi per i bambini e ancor di più per gli adulti. È una filosofia di vita che richiama continuamente in vita il bambino interiore che è in noi, il quale, nonostante tutto, resta puro nel suo essere. 
Il libro ha offerto piani di lettura diversi e sorprendenti ed è stato un testo ideale per accompagnare i bambini, attraverso  un approccio prevalentemente operativo e cooperativo, in un viaggio nella magia della parola che li ha messi in contatto con le emozioni e ha permesso loro di comprendere meglio quelle degli altri.




Siamo partite con l’immagine del serpente boa nell’atto di inghiottire un animale e sul disegno fatto dall’aviatore, non compreso dagli adulti e scambiato per un cappello: “Bisogna sempre spiegarle le cose, ai grandi”, su questa affermazione abbiamo coinvolto i bambini, con domande-stimolo, nell’esprimere le proprie impressioni ed opinioni, facendo nascere così una conversazione tra immaginazione e riflessione. Ognuno di loro ha disegnato il proprio serpente boa che ingoiava  un animale, dando vita a piccoli capolavori, chiari agli occhi creativi dei bambini.






La richiesta del Piccolo Principe di avere il disegno di una pecora e i tentativi fatti dall’aviatore per accontentarlo hanno rappresentato il nostro secondo tassello: quel che il piccolo principe immagina sarà racchiuso in una scatola, disegnata dall’aviatore. 



Abbiamo presentato ai bambini una scatola rivestita d’azzurro e, in cirle time, abbiamo chiesto loro quale fosse il proprio animale preferito, quello sentivano proprio. Abbiamo scritto su un foglietto il nome dell’animale scelto da ogni bambino e inserito i foglietti nella scatola, richiusa e portata in giardino. In un momento successivo, i bambini hanno rappresentato il proprio animale con materiali diversi e abbiamo riaperto la scatola, lasciata in giardino affinché il piccolo principe potesse leggerne il contenuto. I bambini erano emozionati e felici di aver dato un volto all’animale della propria fantasia e di aver ricevuto la “visita” del Piccolo Principe.








 “È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante: la lettura della rosa e dell’amore del Piccolo Principe per il fiore ha coinvolto emotivamente i bambini che hanno sia rappresentato graficamente il fiore e partecipato ad un laboratorio di giardinaggio, all’aria aperta, riempiendo un vaso con del terreno e piantando i semi del fiore da innaffiare con cura ogni giorno.






 


Il viaggio del Piccolo Principe tra i pianeti ci ha offerto lo spunto per mostrare ai bambini i Pianeti della Via Lattea sia attraverso materiale cartaceo che multimediale; abbiamo simulato con i bambini un’esplosione con materiale di uso quotidiano quali l’aceto e il bicarbonato nell’entusiasmo generale dei piccoli.






Sulla scia del percorso intrapreso durante l’anno è stato messo in scena uno spettacolo di danza educativa per i bambini di cinque anni strutturato su momenti-chiave del libro.







Nessun commento:

Posta un commento